• Studios Petra
    Kastraki
    84302 - Naxos

  • Tel:
    +30 22850 75403
    +30 6974 651765

  • Fax: +30 22850 75509

  • e-mail: info@studiospetra.gr

  • ΜΗΤ.Ε.: 1144Κ122Κ0800500

 

 

 

Ti e' piaciuto soggiornare da noi? Allora, aiutaci ad essere il migliore Hotel a/in Kastráki! Raccomandaci a trivago!
N a x o s (o l’isola di Arianna)

Devi cercare per scoprire questa isola incantevole che è stata impreziosita con tante bellezze dalla natura e viene mantenuta viva fino ad oggi dalla ricca storia e dagli sforzi dei suoi abitanti. Si trova al centro dell’Egeo ed è la più grande isola delle Cicladi con una superficie di 440 chilometri quadrati ed una lunghezza costiera di 148 Km. Dista 103 nm dal porto di Pireo e solamente 87 nm dal porto di Rafina. È inoltre collegata con Salonicco, Creta, Icaria, Samos, Chios, Mitilini, Dodecaneso e quasi tutte le isole delle Cicladi. Il viaggio con le navi veloci da Pireo dura 3.30 ore, con i traghetti comuni 5.30 ore e da Atene in aereo circa 25 minuti. Il clima è mite senza inverni rigidi e l’estate è fresca a causa dei noti venti etesii (venti periodici particolarmente forti). L’alternanza delle immagini creano un panorama unico tutte le volte e attira l’interesse di ogni visitatore. Più ci si inoltra all’interno dell’isola, si scoprono torri che con la loro maestosa presenza danno un’altra dimensione allo spazio e al tempo, castelli, mulini a vento, monasteri, chiese, vallate fertili, uliveti, colline immerse nel verde, pezzi di terreno arido, aree rocciose che assomigliano ad un paesaggio lunare, ma anche fiumi, sorgenti sotterranee e il monte Za che è il più alto delle Cicladi con i suoi 1004 m.


Chora: Vale la pena di vedere

  • Castello: Si trova all’interno della Città Vecchia di Naxos tra i vicoli lastricati ed è un quartiere con edifici dell’epoca veneziana e vecchi palazzi signorili. All’interno del Castello vale la pena di vedere:

    • la torre dei Crispi o di Glezos:
    • il museo archeologico
    • il Duomo dei cattolici
    • il monastero cattolico di San Antonio
    • il monastero dei Cappuccini
    • l’edificio della Scuola delle Orsoline ed altro ancora
  • Portara: Porta di marmo che costituisce il simbolo di Naxos e secondo il mito era l’entrata del tempio del dio Apollo. Si trova sull’isolotto Palatia.
  • Panaghia (Madonna) Mirtidiotissa: La chiesetta si trova su un’isolotto accerchiato dalle barche dei pescatori.
  • Monastero di San Giovanni il Teologo (17o secolo d.C.) e la chiesetta Theologos nella roccia scolpita. Il panorama da quel punto è incantevole. Nella regione di Chora ci sono inoltre circa 40 chiese ortodosse e cattoliche.

    Villaggi: Vale la pena di vedere

    Naxos è un’isola piena di leggende e di tradizioni con tantissimi monumenti che testimoniano la sua ricca storia dall’antichità fino ad oggi. Di conseguenza il miglior modo per conoscere Naxos è scoprire i suoi villaggi. Altri si trovano in pianura, altri sulla montagna, altri nelle vallate fertili ed altri ancora sono bagnati dal mare. L’unica cosa di cui avete bisogno è lo spirito di esplorazione. Alcuni di essi portano i segni della civiltà locale con importanti monumenti storici e vale la pena visitarli:

    • Plaka: la torre antica di Plaka o castello di Arianna.
    • Aghios Arsenios: la località Iria con le rovine del tempio del dio Dioniso (580-550 a.C.).
    • Tripodes o Vivlos: la chiesa di Panaghia (Madonna) Tripodiotissa, la chiesa di Stavropighi con i caratteristici mulini a vento.
    • Sagrì: il tempio di Demetra (530 a.C.) di grande interesse storico nella località Ghirulas. La chiesetta bizantina di Aghios Ioannis di Ghirulas, le chiese bizantine di Aghios Nikolaos e di Kaloritsas, il monastero dei Taxiarhi, il monastero di Aghios Eleftherios, la torre di Somaripas l’area del Castello di Apaliros. A poca distanza dal villaggio la torre di Bazeos che ospita spesso interessanti manifestazioni culturali.
    • Kastraki: la torre veneziana di Oskelos che un’epoca era una delle fortezze più robuste dell’isola.
    • Galini: il monastero bizantino di Ipsili.
    • Chilia Vrisi: i monasteri di Panaghia Faneromeni, di Chilia Vrisi e di Aghios Minas.
    • Aghià: il vecchio monastero di Panaghia e la torre di Aghià.
    • Apollonas: la statua distesa di kuros di 10,45 m. (6o sec. a.C.).
    • Galanado: la torre di Belonias, costruzione veneziana del 1250.
    • Chalki o Traghea: i palazzi signorili di epoca neoclassica, la più grande chiesa bizantina dell’isola dedicata a Panaghia Protothroni, le torri di Gratsias-Barotsis, la torre di Marcopolitis nella località Acadimi ed altro.
    • Tsikalariò: qui si trovano le rovine del Castello superiore.
    • Filoti: villaggio tradizionale caratteristico costruito ai piedi del monte Za, la grotta di Za, la torre Barotsis, la torre di Chimaros sulla strada per Calantò, la chiesa di Panaghia Filotitissa ed altro.
    • Danakos: il monastero di Cristo Fotodotis.
    • Apiranthos o Apirathos: villaggio tradizionale con una ricca tradizione culturale e artistica che continua fino ad oggi. Potete ammirare le case di pietra con gli archi camminando nei vicoli stretti e vedere le torri di Somaripas e Sforza-Kastri, la chiesa di Panaghia Aperathitissa, la chiesetta di Panaghia Fanariotissa, il museo archeologico, laografico, geologico e il museo della storia naturale.
    • Mutsuna: villaggio di pescatori nella parte orientale dell’isola. Poco prima di arrivare potete vedere appesi ai cavi i carrelli che una volta trasportavano lo smeriglio al porto di Mutsuna.
    • Moni: villaggio di montagna dove si trova la chiesa di Panaghia Drosiani.
    • Koronos: potete vedere la collezione laografica, l’esposizione dei ricami tradizionali e le miniere di smeriglio sulla strada per Lionas, opera costruita nel 1925.
    • Melanes: nella regione Fleriò il kuros incompiuto di 6,4 m.(7o sec. a.C), le torri di Markos Sanudos, Fragopulos, Mavroghenis e De Marì, là chiesa bizantina di Aghios Gheorghios ecc.
  •  

    Spiagge
    Da una parte dell’isola all’altra troverete spiagge (alcune organizzate) con acque cristalline e pulite per tutti i gusti: con fondali bassi e meno bassi, con sabbia fine o grossa (a chicchi di riso) o anche con ciottoli. Ad ogni modo vi consigliamo di visitare le spiagge nella parte Sud-Ovest dell’isola che si trovano a poca distanza con tanti chilometri di pulitissima spiaggia sabbiosa e ben protette dai venti. Se invece desiderate qualcosa di diverso, nella parte nord dell’isola, la dove il vento scolpisce le rocce e le coste, sarete incantati dalla bellezza selvaggia del paesaggio e, tempo permettendo, potrete godere l’acqua cristallina e azzurra.

    • Ovest: Aghios Gheorghios.
    • Sud-Ovest: Aghios Prokopios, Aghia Anna, Plaka, Orkos, Parthena, Mikri Vigla, Kastraki, Glifada, Aliko, Pirgaki, Aghiassos.
    • Nord: Apollonas.
    • Nord-Ovest: Amitis, Chilia Vrisi, Abram.
    • Nord-Est: Lionas.
    • Est: Azalas, Mutsuna, Ligaridia o Liaridia.
    • Sud-Est:  Psili Amos, Klidos, Panormos.
    • Sud: Kalantos.

    Attività (natura - mare)
    Gli amanti del windsurf, se non dispongono della loro attrezzatura, possono noleggiarla e, scegliendo la costa giusta, potranno spiccare il volo del piacere avendo come alleato il vento. Ad alcune spiagge potete fare lo sci d’acqua, un giro sul acquascooter, sul pedalò o la canoa e godere alcuni giochi di mare, giocare a beachvolley ecc. Potete inoltre praticare il ciclismo con le vostre biciclette o noleggiando il necessario, fare escursioni a piedi o passeggiate a cavallo. Inoltre, quasi tutte le agenzie turistiche organizzano gite giornaliere all’interno dell’isola o ad altre isole vicine.
                  
    Alimentazione
    Le prelibatezze sono molte. Avrete la possibilità di soddisfare i vostri gusti sia a Chora che ai villaggi del litorale con pesce fresco e ad altre golosità del mare o anche ai villaggi di montagna con prodotti locali, deliziose specialità e buon vino nelle numerose taverne tradizionali. Oppure dopo il nuoto in un beach bar con ricchi piatti freddi o ad una piccola taverna in riva al mare. Il paesaggio è lasciato alla vostra scelta: in giardino, sotto l’ombra di un vecchio platano o accanto al bagnasciuga. Oltre la cucina greca tradizionale, troverete ristoranti italiani, tedeschi, indiani, messicani ed altri.

    Divertimento – Vita notturna
    Il primo pomeriggio potete uscire per una passeggiata, per andare al cinema o per prendere il caffè, un dolce, crêpes, bignè, succhi di frutta, fino alla sera tardi per il vostro drink. A Chora o in uno dei villaggi del litorale potete andare ad un bar per prendere un drink e passare una piacevole serata in compagnia. Dopo il tramonto, non mancate di fare una passeggiata nei vicoli della Città Vecchia, dove troverete sicuramente un bar del vostro gusto. Gli amici dei grandi club non rimarranno insoddisfatti e troveranno il posto giusto per divertirsi e ballare fino all’alba.

    Manifestazioni – Feste
    Le manifestazioni culturali che vengono organizzate d’estate sono parecchie. Particolare interesse presentano le manifestazioni di “Dionisia” organizzate dal comune di Naxos, che si protraggono per circa venti giornate. Comprendono serate di musica e di ballo con gruppi folcloristici, concerti, spettacoli teatrali, mostre fotografiche, di pittura e di scultura, la festa del pescatore e soprattutto la sagra del vino (da non perdere!). Molte sono anche le feste organizzate a quasi tutti i villaggi di Naxos. Potrete partecipare alle feste con i balli e la musica locale, specialità e vino di Naxos, con i musicisti che suonano fino all’alba e … perché no … guidare la danza!  

    Cosa comprare
    Le famose e gustosissime patate di Naxos, formaggi dal sapore eccezionale (gruviera, xinotiro (formaggio agro), anthotiro (formaggio fresco), mizithra (tipo di ricotta), kefalotiri o arsenico (formaggio pecorino)), carni locali, frutta, olio, olive, vino ed altro. Non dimenticate la cedrata di Naxos, un liquore aromatico, distillato dalle foglie del cedro, per voi stessi o per regalarlo a familiari e amici. Dolci fatti con ciliegie, cedri, melanzane ed altro, ma anche gustosissime marmellate, miele e amaretti. Troverete inoltre tessuti fatti a mano nelle cooperative delle donne dell’isola e nei negozi di arte popolare, ricami, statuette di stile cicladico e gioielli con la conchiglia di Naxos soprannominata “l’occhio di Naxos” che, come si dice, porta fortuna a chi la porta.